Piselli sgranati

Viaggio alla scoperta dei piselli

I piselli sono alimenti riconducibili ai legumi o alle verdure, a seconda che si prendano in considerazione i semi o i baccelli commestibili del Pisum sativum, una delle prime piante domesticate dall’uomo. Tra le più antiche testimonianze della sua coltivazione vi sono alcuni semi rinvenuti nel sito di Ahihud, a nord di Israele, che la datazione al radiocarbonio fa risalire al Neolitico preceramico (circa 10.200 anni fa).1 Nello scavo sono stati ritrovati anche i semi di Vicia faba (fave) e Lens culinaria (lenticchie).

Varietà di Pisum sativum

Le varietà riservate alla dieta umana si suddivono in due gruppi principali:

  1. da sgranare, delle quali si consumano i semi, che si possono trovare freschi (verdi) tra maggio e giugno, essiccati (gialli) o surgelati tutto l’anno;
  2. mangiatutto (taccole), di cui si mangiano i baccelli di colore verde brillante.

In questo articolo ci focalizzeremo sui semi, dunque sui legumi.

Valori nutrizionali dei piselli 

I piselli si contraddistinguono perché sono poco calorici e ricchi di acqua, vitamine e sali minerali. Tra le vitamine spiccano per importanza:

  • la vitamina C (40 mg/100 g), che nel corpo svolge effetti antiossidanti e immunostimolanti;
  • la vitamina B3 (2,09 mg/100 g), che contribuisce al mantenimento di pelle e mucose normali;
  • la vitamina B(65 μg/100 g) importante per globuli rossi normali, nonché per il normale sviluppo fisico e neurologico del feto.

Mentre fra i sali minerali si annoverano:

  • potassio e magnesio (240 mg e 33 mg), che sostengono le funzioni neuromuscolari;
  • fosforo e calcio (108 mg e 25 mg) per il benessere osseo;
  • ferro (1,47 mg) contro l’affaticamento;
  • zinco (1,24 mg) per alte difese immunitarie.

Buono il contenuto di proteine e fibre, benché inferiore rispetto ad altri legumi. Di seguito riportiamo i valori nutrizionali al completo.1

Valori nutrizionali per 100 grammi di piselli freschi (fonte: USDA).
Energia
81 kcal
Acqua
78,86 g
Proteine
5,42 g
Grassi
0,4 g
Carboidrati
  • 14,45 g totali
  • 5,7 g fibre
  • 5,67 g zuccheri 
Vitamine
  • vitamina C: 40 mg
  • niacina (B3): 2,09 mg
  • tiamina (B1): 0,266 mg
  • piridossina (B6): 0,169 mg
  • riboflavina (B2): 0,132 mg
  • vitamina E: 0,13 mg
  • acido folico (B9): 65 μg
  • vitamina A, RAE: 38 μg
Sali minerali
  • potassio: 240 mg
  • fosforo: 108 mg
  • magnesio: 33 mg
  • calcio: 25 mg
  • sodio: 5 mg
  • ferro: 1,47 mg
  • zinco: 1,24 mg
  • rame: 0,176 mg

Proprietà 

Come accennato poc’anzi, i benefici di questi legumi non si limitano a quelli puramente nutritivi. Le simulazioni in provetta, infatti, hanno evidenziato i loro effetti prebiotici – cioè la capacità di favorire lo sviluppo dei batteri intestinali buoni, tra cui i bifidobatteri – grazie a zuccheri non digeribili detti alfa-galattooligosaccaridi non fruttosilati (α-GOS).

Da uno studio2 che ha confrontato gli effetti degli α-GOS non fruttosilati dei piselli con quelli dei β-GOS (prebiotici aggiunti al latte per l’infanzia) sui batteri presenti nelle feci dei bambini di 11-24 mesi, è emerso che avevano effetti prebiotici molto simili: infatti anche gli α-GOS venivano fermentati dai batteri buoni in SCFA (acidi grassi a catena corta, che nutrono le cellule del colon e favoriscono la regolarità intestinale) e stimolavano lo sviluppo selettivo di due ceppi di bifidobatteri (B. longum e B. catenulatum).

Dunque, in futuro gli α-GOS non fruttosilati dei piselli potrebbero essere aggiunti al latte per l’infanzia poiché dotati di effetti prebiotici paragonabili a quelli dei β-GOS e di una buona tollerabilità intestinale. Non rimane che attendere conferme da ricerche più approfondite.

Ricette con i piselli

Secondo le regole della dieta mediterranea, i piselli si possono consumare 2 o più volte alla settimana (esattamente come tutti i legumi). La loro versatilità permette di usarli per cucinare contorni, primi o secondi. Ottime le combinazioni con i cereali e derivati – riso, pasta e pane – per ottenere proteine più complete qualora si voglia mangiarli al posto della carne; tuttavia, se si vuole combinarli con alimenti di origine animale, sono ottimi con le uova, il manzo e le seppie. Detto ciò, ecco la nostra proposta.

Pasta con piselli, tonno e pomodori

La pasta con piselli, tonno e pomodori, è un piatto completo e ideale per l’estate perché non è pesante e apporta tutti i nutrienti nelle giuste quantità, infatti:

  • la pasta contiene carboidrati complessi che forniscono energia;
  • il tonno contiene proteine nobili e grassi buoni omega-3;
  • i piselli e i pomodori contengono fibre, vitamine e sali minerali.

È ottima se avete poco tempo ma non volete rinunciare a una dieta equilibrata in pausa pranzo oppure in vacanza. Vediamo gli ingredienti!

Ingredienti per 2 persone

Per prepararla occorrono:

  • 250 g di pasta corta (quella che preferite);
  • 1 scatoletta di tonno al naturale o sott’olio;
  • 200 g di piselli freschi o surgelati;
  • 10 pomodori tipo ciliegino;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1/2 cipolla rossa di piccole dimensioni;
  • origano e/o basilico;
  • peperoncino (opzionale);
  • acqua, olio extravergine e sale q.b.
Preparazione:
  1. innanzitutto tagliate i pomodorini, conditeli con un pizzico di sale, le erbe aromatiche e un filo di olio extravergine, e fateli riposare in frigo;
  2. mettete l’acqua per la pasta, dopodiché fate soffriggere l’aglio e il peperoncino in una padella antiaderente con un filo d’olio;
  3. aggiungete i piselli, un pizzico di sale e un po’ d’acqua per non farli bruciare in cottura (circa 15 minuti);
  4. quando la pasta sarà cotta, versatela nella padella e fatela saltare insieme ai piselli, al tonno e ai pomodorini, e aggiungete un filo d’olio;
  5. in alternativa scolate la pasta, versate un filo d’olio, fatela raffreddare, aggiungete gli altri ingredienti e fatela riposare in frigo se vi piace fredda.
Pasta con piselli, tonno e pomodorini freschi
Pasta con piselli, tonno e pomodorini freschi.
Consigli di lettura

Se l’articolo vi è piaciuto, scoprite altre gustose ricette con i piselli.

Bibliografia e sitografia
  1. Caracuta V, Vardi J, Paz Y, Boaretto E. Farming legumes in the pre-pottery Neolithic: New discoveries from the site of Ahihud (Israel). PLoS One. 2017 May 24;12(5):e0177859. DOI: 10.1371/journal.pone.0177859. PMID: 28542358; PMCID: PMC5443508;
  2. valori nutrizionali dei piselli (USDA);
  3. Marín-Manzano, M.d.C.; Hernandez-Hernandez, O.; Diez-Municio, M.; Delgado-Andrade, C.; Moreno, F.J.; Clemente, A. Prebiotic Properties of Non-Fructosylated α-Galactooligosaccharides from PEA (Pisum sativum L.) Using Infant Fecal Slurries. Foods 2020, 9, 921. DOI: 10.3390/foods9070921.
L’articolo ha uno scopo puramente illustrativo e non sostituisce il rapporto medico-paziente.

Scritto da:

Jessica Zanza

Blogger e giornalista, ho collaborato con L'Unione Sarda.
Sono cofondatrice e curatrice editoriale di Inchiostro Virtuale.
Per contattarmi, inviate una mail a: j.zanza@inchiostrovirtuale.it