Frutto della passione o Maracujà

Frutto della passione e maracujà sono i nomi che identificano il delizioso frutto della Passiflora edulis: un rampicante tropicale che ormai possiamo ammirare anche nei giardini nostrani – dove spicca per la particolarità e la bellezza dei suoi fiori – e che dona, a chi ha la fortuna di coltivarlo, bacche deliziose dal buon profilo nutrizionale. Continuate a leggere per saperne di più!

Frutto della passione: l’identikit

La maracujà è una bacca di forma ovoidale o sferica caratterizzata da una buccia liscia, coriacea e spessa, che racchiude una polpa mucillaginosa, gialla e succosa, ricca di semini scuri commestibili. È disponibile in due varietà che differiscono per colore, dimensioni e periodo di raccolta.

I frutti della varietà viola (Passiflora edulis var. edulis) si possono raccogliere dalla fine dell’estate all’autunno, quando la buccia vira al viola più o meno acceso e si punteggia di bianco. Pesano circa 35 grammi, sono lunghi 4-9 centimetri e hanno un diametro di 3,5-7 centimetri.

Frutto della passione viola

I frutti della varietà gialla (Passiflora edulis var. flavicarpa), invece, si possono raccogliere anche in inverno, quando la buccia si colora di giallo intenso. Rispetto ai precedenti sono più voluminosi: infatti pesano circa 80 grammi, sono lunghi 6-12 centimetri e hanno un diametro di 4-7 centimetri.

Frutto della passione giallo

Valori nutrizionali e proprietà

Indipendentemente dalla varietà, stiamo parlando di un frutto ricco di acqua, che ne costituisce più del 70%, e di carboidrati, che ammontano al 24% del totale. Questo dato, però, non dovrebbe farvi preoccupare se dovete fare attenzione al peso e alla glicemia, a patto che moderiate le quantità e consumiate la polpa nella sua interezza, semi compresi.

In questo modo, infatti, ingerirete più fibre che, oltre a regolarizzare l’intestino, rallentano l’entrata in circolo del glucosio, perciò prevengono il picco glicemico e il deposito di grasso a partire dallo zucchero in eccesso. Queste particolari caratteristiche fanno sì che il frutto della passione abbia un indice glicemico molto basso e pertanto sia adatto anche alla dieta dei diabetici e delle persone con la sindrome metabolica.


Per maggiori dettagli, vi rimandiamo all’articolo: “Frutta per il diabete: consigliata e sconsigliata“.


Le maracujà sono ricche, inoltre, di elementi essenziali; 100 grammi, infatti, apportano:

  • 348 mg di potassio e 29 mg di magnesio, importanti per il corretto funzionamento di muscoli e cervello;
  • 68 mg di fosforo e 12 mg di calcio, che contribuiscono al mantenimento di ossa normali;
  • 28 mg di sodio, quindi è bene che facciate attenzione se soffrite di pressione alta.

Degno di nota è anche il contenuto di vitamina C. Pensate che 100 grammi ne forniscono 30 mg, pari a circa il 33% del fabbisogno giornaliero per gli uomini (90 mg) e al 43% del fabbisogno giornaliero per le donne (70 mg). Ricordiamo che questa vitamina stimola la cicatrizzazione, il sistema immunitario e previene i danni da radicali liberi insieme ad altre sostanze presenti nel frutto (carotenoidi e polifenoli).

Di seguito, per i più curiosi, riportiamo i valori nutrizionali al completo.

Tabella dei valori nutrizionali
Valori nutrizionali per 100 grammi (fonte: USDA).
Energia 97 kcal
Acqua 72,93 g
Proteine 2,2 g
Grassi 0,7 g
Carboidrati totali, di cui:

  • fibre
  • zuccheri semplici
23,38 g

  • 10,4 g
  • 11,2 g
Vitamine:

  • acido ascorbico (C)
  • niacina (B3)
  • riboflavina (B2)
  • piridossina (B6)
  • vitamina A
  • acido folico (B9)
 

  • 30 mg
  • 1,5 mg
  • 0,13 mg
  • 0,10 mg
  • 0,064 mg
  • 0,014 mg
Sali minerali:

  • potassio 
  • fosforo 
  • magnesio
  • sodio
  • calcio
  • ferro 
 

  • 348 mg
  • 68 mg
  • 29 mg
  • 28 mg
  • 12 mg
  • 1,6 mg

Il frutto della passione nella dieta

Alla luce di quanto visto finora, è chiaro che il frutto della passione possa contribuire – insieme ad altra frutta e verdura – a soddisfare il fabbisogno giornaliero di fibre, vitamine e sali minerali, ma anche quello di sostanze antiossidanti, il cui consumo è associato a un basso rischio di sviluppare le malattie cardiovascolari, il diabete e i tumori.

Inserirlo nella dieta non è difficile: si può mangiare, volendo, tutti i giorni a colazione, spuntino di metà mattina o merenda, in porzioni da 100-200 grammi.

Ad esempio, per colazione potreste mischiare la polpa di una bacca con un vasetto di yogurt al naturale (fonte di proteine) e completare il pasto con 3-4 mandorle (ricche di grassi buoni) e una bevanda calda senza zucchero (tè verde, caffè, orzo) per favorire la digestione.

A metà mattina o a merenda, invece, potete usarlo come spezzafame, al naturale o sotto forma di frullato, come quello che vi proponiamo a seguire.

Frullato con maracujà: la ricetta

Questo frullato a base di sola frutta ed erbe aromatiche è l’ideale per fare il pieno di energie tra un pasto e l’altro grazie agli zuccheri naturalmente presenti, alle vitamine e ai sali minerali. All’occorrenza, potreste consumarlo come spuntino di recupero, un’ora dopo la corsa o altra attività aerobica, se mancano due o più ore al pasto principale. Vediamo gli ingredienti per due persone!

Ingredienti per 2 persone

Per prepararlo occorrono:

  • 3 frutti della passione;
  • mezza papaya;
  • 1 arancia;
  • 1 limone;
  • foglie di menta a piacere.

Opzionali: 3 cubetti di ghiaccio e il miele per dolcificare.

Procedimento

Prepararlo è semplice:

  1. innanzitutto svuotate il contenuto delle maracujà (polpa e semi) direttamente nel bicchiere del frullatore;
  2. poi aggiungete la papaya e l’arancia (pelata a vivo) tagliate a pezzetti;
  3. infine spremete il limone, aggiungete le foglie di menta (eventualmente ghiaccio e/o miele) e frullate.

Et voilà, il gioco è fatto!

Frullato con frutto della passione

E con questo è tutto, cari lettori. Seguiteci sul sito e sui social per tenervi aggiornati sulle prossime uscite!

L’articolo ha uno scopo puramente illustrativo e non sostituisce il parere del medico.

Bibliografia e sitografia
Ti è piaciuto? Condividilo!

Scritto da:

Jessica Zanza

Ho appeso il camice al chiodo per fare la giornalista.
Pubblicista e co-fondatrice di Inchiostro Virtuale.
Per contattarmi scrivete a j.zanza@inchiostrovirtuale.it