Ananas: valori nutrizionali, proprietà, usi e ricette

L’ananas è un frutto fresco e delizioso giunto sino a noi dopo la scoperta delle Americhe. In questo articolo ne approfondiremo i valori nutrizionali, le proprietà e gli usi in cucina con preziosi consigli. Seguiteci!

Ananas: l’identikit

L’Ananas comosus è una pianta originaria delle regioni tropicali e subtropicali dell’America, che rappresentano anche le principali produttrici, molto conosciuta e apprezzata grazie al suo frutto.

Quest’ultimo, raccolto a completa maturazione, è formato da un asse centrale – il gambo – e dalla polpa che deriva dalla fusione di tante piccole bacche attorno ad esso; pertanto, l’ananas è ciò che in gergo botanico si definisce “infruttescenza”.

Valori nutrizionali 

L’ananas è particolarmente apprezzato per la polpa aromatica e succosa, infatti contiene l’86% d’acqua, e per le poche calorie, giacché 100 grammi apportano solo 50 kcal; essendo un alimento fresco e leggero, dunque, è l’ideale per la dieta estiva.

Questo frutto è anche un concentrato di vitamine e sali minerali, infatti contiene:

  • vitamina C, che sostiene le difese antiossidanti e immunitarie (100 grammi soddisfano circa la metà del fabbisogno giornaliero, cioè 90 mg per gli uomini e 70 mg per le donne);
  • vitamine del gruppo B, fondamentali per produrre energia;
  • potassio e magnesio, che regolano la pressione, le funzioni muscolari e nervose;
  • manganese, che svolge funzioni antiossidanti, partecipa alla produzione degli ormoni tiroidei e al metabolismo delle vitamine B1, B8 e C (100 grammi ne contengono quasi 1 mg, non male considerato che il fabbisogno giornaliero è di 1-10 mg al giorno).

Infine, la polpa è povera di sodio (solo 1 mg per 100 g), pertanto possono consumarla senza problemi anche i pazienti ipertesi. Di seguito riportiamo i valori nutrizionali al completo.

Valori nutrizionali per 100 grammi (fonte: USDA).
Energia
50 kcal
Acqua
86 g
Proteine
0,54 g
Grassi
0,12 g
Carboidrati
13,1 g di cui:

  • 1,4 g di fibre
  • 9,85 g di zuccheri (5,99 g saccarosio, 1,73 g glucosio, 2,12 g fruttosio)
Vitamine
  • acido ascorbico (C): 47,8 mg
  • niacina (B3): 0,5 mg
  • acido pantotenico (B5): 0,213 mg
  • piridossina (B6): 0,112 mg
  • tiamina (B1): 0,079 mg
  • riboflavina (B2): 0,032 mg
  • acido folico (B9): 0,018 mg
Sali minerali
  • potassio: 109 mg
  • calcio: 13 mg
  • magnesio: 12 mg
  • fosforo: 8 mg
  • sodio: 1 mg
  • manganese: 0,927 mg
  • ferro: 0,29 mg

Chi ha il diabete può mangiare l’ananas?

Se avete il diabete o siete a rischio, dovreste mangiare l’ananas solo con il parere favorevole del vostro medico, perché è un frutto ricco di zuccheri e povero di fibre (infatti, ha un indice glicemico di 59) e quindi potrebbe crearvi qualche problema nel controllo glicemico.


Per maggiori dettagli, leggete: “Frutta per il diabete: consigliata e sconsigliata“.


Proprietà dell’ananas

Forse non tutti sanno che la parte più benefica dell’ananas – benché non in termini nutritivi – è proprio quella che viene scartata in quanto troppo dura e fibrosa: il gambo. In esso, infatti, si concentra la bromelina, una miscela di enzimi che possiede le seguenti proprietà:

  • aiuta a digerire le proteine, dal momento che le scompone nei singoli aminoacidi;
  • allevia dolori e gonfiori, perché riduce la produzione di sostanze infiammatorie come la PGE2 e la bradichinina;
  • mantiene il sangue fluido, giacché “smonta” l’impalcatura di fibrina che porta alla formazione dei trombi.
Il gambo è la parte dell'ananas più ricca di bromelina.
Il gambo è la parte dell’ananas più ricca di bromelina.

Dunque, a cosa fa bene l’ananas?

La polpa e soprattutto il gambo dell’ananas:

  • favoriscono la digestione degli alimenti proteici, in caso di carenze di enzimi pancreatici;
  • sgonfiano le gambe e alleviano il dolore, laddove ci siano problemi di circolazione;
  • fluidificano il sangue, pertanto contrastano la formazione dei trombi venosi.

È importante ricordare, tuttavia, che le quantità di bromelina nell’ananas fresco sono basse, pertanto – in caso di effettivo bisogno, accertato dal medico – bisognerà ricorrere ai medicinali che permettono di assumerla in dosi efficaci (dagli 80 ai 160 mg al giorno).

Quanto ananas si può mangiare al giorno?

In assenza di particolari problemi di salute, si possono mangiare tranquillamente 4 fette di ananas al giorno, che pesano 160 grammi e contengono 80 kcal (ricordiamo, infatti, che una fetta pesa in media 40 grammi e apporta 20 kcal).

Cosa succede se mangi troppa ananas?

Il consumo di quantità eccessive di questo frutto può causare disturbi gastrointestinali, quali nausea, vomito e diarrea, e nelle donne può aumentare il flusso e la durata delle mestruazioni.

Chi non deve mangiare l’ananas?

L’ananas fa male quando sono presenti allergie alla bromelina, inoltre bisogna stare attenti se si assumono farmaci antitrombotici e antibiotici, come l’amoxicillina, perché ne potenzia gli effetti.

L’ananas in cucina

Diversamente da quanto si possa immaginare, l’ananas è un frutto molto versatile in cucina. Il sapore dolce con punte acidule e le proprietà digestive la rendono particolarmente adatta per realizzare piatti proteici, ma anche dolci e dessert sfiziosi.

Ecco come usare l’ananas in cucina:

  • a colazione, tagliate 2 fette d’ananas a pezzettini, uniteli a un vasetto di yogurt al naturale e un pugnetto di mandorle tostate;
  • ad antipasto, servitela con la bresaola o il prosciutto cotto nel tagliere di salumi;
  • nei primi e secondi piatti, si sposa bene con il riso a insalata, le carni bianche, il salmone e i crostacei;
  • per dolce o dessert, gustatela sotto forma di crostate, frittelle, macedonie, confetture e gelati;
  • a merenda, sotto forma di frullati per spezzare la fame o centrifugati per sgonfiare le gambe.

A tal proposito, vi consigliamo di cliccare sul suguente link: “Centrifugato diuretico: ricetta e benefici“. Buona lettura e alla prossima!

L’articolo ha uno scopo puramente illustrativo e non sostituisce il parere del medico.

Bibliografia e sitografia
Ti è piaciuto? Condividilo!

Scritto da:

Jessica Zanza

Ex farmacista, oggi giornalista.
Sono una delle fondatrici del sito, di cui curo la parte editoriale.
Per contattarmi, inviate una mail a: j.zanza@inchiostrovirtuale.it