520 in cinese: 我爱你
Che cosa significa il numero 520 in cinese? Per quale motivo viene accostato al tema dell’amore? Scopriamolo in questo articolo!

In Cina ogni 20 maggio si celebra una festa simile a San Valentino. L’origine di questa ricorrenza, vi sembrerà strano, è da ricercare nel numero 520 in cinese. I motivi per i quali si faccia riferimento solo a questa cifra e a nessun’altra, li troviamo proprio nella lingua cinese e, più precisamente, nella sua pronuncia.

Prima di approfondire la questione, però, è necessario fare una premessa. Quando parliamo in italiano o in altre lingue, non sempre utilizziamo un linguaggio standard. Ai tempi degli sms, ad esempio, non era strano scrivere “xké nn c 6?”. Oppure pensate ad abbreviazioni inglesi quali “4u“, “Ih8u” o al diffusissimo “LOL“.

I cinesi non fanno eccezione poiché anche loro, nelle chat e più generalmente in internet, talvolta utilizzano sigle, abbreviazioni e numeri nei loro messaggi. Non ci resta che scoprire, quindi, a che cosa corrisponde il numero 520.


Ripasso e approfondimento

Se siete interessati a imparare la lingua cinese, forse lo slang non è l’argomento migliore per iniziare. Nei miei vecchi articoli, ai quali potete accedere cliccando sui rispettivi link, ho cercato di far conoscere le basi del cinese, dalla pronuncia alla scrittura. Per illustrarveli a grandi linee ve li introduco, come sempre, grazie all’ausilio di una parola. Quella di oggi è 下 (xià, sotto/prossimo):

  • caratteri cinesi: gli ideogrammi sono solo una piccola parte dei simboli cinesi che, in realtà, si chiamano “caratteri”. 下, però, è proprio un ideogramma;
  • ideogrammi: il significato astratto di “sotto” viene rappresentato da un tratto 丶posto inferiormente al tratto orizzontale dell’area 丅;
  • pinyin: l’iniziale “x” della sillaba “xia” ha un suono simile al “ch” tedesco, mentre il finale “ia”è simile all’italiano “ià”;
  • toni: a differenza dell’italiano, però, il segno presente in “xià” non è un accento, bensì un tono. In questo caso è il quarto, per cui la sillaba dovrà essere letta con un tono discendente netto;
  • tratti: i tratti che compongono 下 sono solo tre: 1 orizzontale, 1 verticale e 1 goccia;
  • ordine dei tratti: nonostante la semplicità del carattere, per scrivere correttamente 下 occorre seguire, da sinistra verso destra e dall’alto verso il basso, il seguente ordine: 一丨丶;
  • radicali: nel carattere 下 è presente il radicale “uno” 一;
  • parole bisillabiche: possiamo trovare 下 in numerose parole bisillabiche, tra cui 下班 (xiàbān, uscire da lavoro) e 下雨 (xiàyǔ, piovere);
  • localizzatori: il carattere 下, tra le altre, svolge anche la funzione di localizzatore per indicare, ovviamente, qualcosa che si trova in basso;
  • caratteri tradizionali: la scrittura di 下 non cambia con i caratteri tradizionali.

520 in cinese

Iniziamo dall’aspetto più banale e intuitivo, ossia perché tale evento ricorra il 20 maggio. Inserendo una barra tra le cifre, infatti, otteniamo 5/20 o, detto a parole, proprio il 20 maggio. Nel formato della data cinese, infatti, il mese precede il giorno e non viceversa come avviene in Italia.


Di questo ne ho parlato nell’articolo sulla data in cinese!


520 = ti amo

Non abbiamo ancora capito, però, come si arrivi a dire “ti amo” con il numero 520 in cinese. Innanzitutto bisogna precisare che il numero non deve essere letto intero come “cinquecentoventi” (五百二十, wǔbǎi èrshí), bensì cifra per cifra: “cinque due zero” (五 二 零, wǔ èr líng).


Se non li doveste ricordare, vi rimando all’articolo sui numeri in cinese!


Pronunciato in questo modo, infatti, il numero acquisirà una certa assonanza proprio con la frase “ti amo” (我爱你, wǒ ài nǐ). In questo caso, quindi, ogni cifra sostituirà una parola nella dichiarazione d’amore:

  • 我 (, io) –> 5 (五, );
  • 爱 (ài, amo) –> 2 (二, èr);
  • 你 (, te) –> 0 (零, líng).

Questo slang è nato ovviamente nelle chat tra i giovani, ma pian piano si è affermato anche a livello nazionale tanto che, come detto, la data del 20 maggio è diventata un giorno in cui celebrare l’amore.

La cosa che forse starete notando, però, è che i rispettivi suoni non coincidono pienamente, ma li ricordano soltanto. Ciò nonostante tale similitudine è sufficiente per considerare il numero 520 un’abbreviazione delle parole “ti amo”.

D’altronde l’attenzione dei cinesi per l’assonanza tra parole e numeri è particolarmente sentita. In base a tali corrispondenze, infatti, alcune cifre vengono considerate di buon auspicio o di cattivo presagio. L’esempio più eclatante è il numero 4 (四, sì), ritenuto negativo da un punto di vista scaramantico per via del suono simile a quello della “morte” (死, sǐ).


Quali sono i numeri fortunati e quali no? Scopritelo nell’articolo sulla scaramanzia in Cina!


I suoni non perfettamente identici, dunque, non rappresentano un ostacolo per il significato loro attribuito: se per i cinesi, tradizionalmente molto scaramantici, il 520 viene percepito come un numero romantico, non possiamo che fidarci di loro.


Il numero 520 in cinese, quindi, pronunciato cifra per cifra, ricorda il suono della frase “ti amo”. Per questo motivo il 20 maggio in Cina è diventato un giorno dedicato all’amore. Detto questo non mi resta che salutarvi: 再见!
Ti è piaciuto? Condividilo!

Scritto da:

Mauro Bruno

Classe 1986. Sono laureato in Scienze dell'Amministrazione e ho conseguito un Master in "Relazioni Industriali nel lavoro privato e pubblico".
All'università ho scoperto la lingua cinese ed è stato amore a prima vista, tanto che da allora ho continuato a studiarla da autodidatta.
Nel blog, oltre a parlarvi della cultura cinese, cercherò di rendervi più familiare una delle lingue più incomprensibili per antonomasia.
Potete contattarmi scrivendo a: m.bruno@inchiostrovirtuale.it