Un po' in cinese: differenza tra 一点儿 e 有点儿
Come si dice “un po’” in cinese? Qual è la differenza tra 一点儿 e 有点儿? E quando si usa uno anziché l’altro? Scopriamolo in questo articolo!

Quando si studia una lingua straniera può capitare che un unico vocabolo italiano abbia più traduzioni con accezioni diverse. Questa situazione si verifica anche quando bisogna dire “un po’” in cinese.

Esistono almeno due termini, infatti, molto simili nella pronuncia e nella scrittura, per esprimere tale concetto:

  • 一点儿 (yīdiǎnr);
  • 有点儿 (yǒudiǎnr).

Questi, però, non possono essere utilizzati a proprio piacimento ma devono essere impiegati in contesti ben precisi. Attenzione anche al loro posizionamento all’interno della frase in quanto differisce anch’esso.

Cerchiamo di capire, quindi, qual è la differenza tra 一点儿 e 有点儿 in modo da poterli usare entrambi correttamente!

Ripasso e approfondimento

Prima di imparare questi termini, però, sarebbe preferibile conoscere le basi del cinese. Per capire meglio questa lingua, dalla scrittura alla pronuncia, vi rimando ai vecchi articoli a cui potete accedere tramite i rispettivi link.

Come sempre, con l’ausilio di una parola, vi illustro a grandi linee il loro contenuto. Quella di oggi, per restare in tema, è 点 (diǎn, punto):

  • caratteri cinesi: il nome generico per identificare i simboli cinesi non è “ideogrammi”, bensì “caratteri”. 点, nello specifico, è un composto fonetico;
  • caratteri tradizionali: quando si utilizzano i caratteri tradizionali, 点 si scrive 點;
  • radicali: nel carattere tradizionale 點 il significato generico di “punto” è dato dal radicale “nero” 黑. In quello semplificato, invece, troviamo il radicale “fuoco” 火 nella variante 灬;
  • composti fonetici: il componente 占, invece, suggerisce il suono “dian”;
  • pinyin: la sillaba “dian” non può essere letta come in italiano. L’iniziale “d” ha un suono simile nella nostra lingua ma il finale “ian” si legge “ien”;
  • toni: in cinese non esistono gli accenti, bensì i toni. Quello sulla “ǎ” è il terzo, per cui la sillaba deve essere letta con un tono prima discendente e poi ascendente;
  • tratti: 点 è formato da 9 tratti: 3 gocce, 2 orizzontali, 2 verticali, 1 discendente a sinistra e 1 ribattuto orizzontale;
  • ordine dei tratti: per scrivere correttamente 点 occorre, dall’alto verso il basso e da sinistra verso destra, seguire quest’ordine:丨一丨㇕一丿丶丶丶;
  • parole bisillabiche: 点 compare in numerose parole di due o più sillabe come, appunto, 一点儿 e 有点儿.

“Un po’” in cinese

Se avete già letto da qualche parte le due parole presentate in questo articolo, è probabile che i loro nomi fossero leggermente diversi. Il carattere finale 儿 (er), infatti, può essere tranquillamente omesso poiché, in questi casi, ha la sola funzione di “arrotondare” la sillaba finale.

Il termine 一点儿, inoltre, può essere abbreviato con 点儿 (diǎnr). Per quanto riguarda 有点儿, invece, si tratta dell’abbreviazione di 有一点儿 (yǒuyīdiǎnr).

Fatta chiarezza sui sinonimi, cerchiamo di capire in cosa differiscono le parole che, come detto, non hanno lo stesso significato.


一点儿

Il termine 一点儿, pur sempre esprimendo una piccola quantità, può avere diverse accezioni a seconda del posizionamento nella frase.

Valore comparativo

Aggettivo + 一点儿

Quando 一点儿 segue un aggettivo, assume il valore comparativo. In questo caso, quindi, possiamo tradurlo come “un po’ più”.

Ad esempio:

  • 他比我一点儿 (tā bǐ wǒ gāo yīdiǎnr, lui è un po’ più alto di me);
  • 这件衣服一点儿 (zhè jiàn yīfu guì yīdiǎnr, questo vestito è un po’ più caro).

A proposito di 衣服, scoprite altri nomi di vestiti in cinese!


Richiesta

Aggettivo + 一点儿 (in frasi imperative)

Se inserita in frasi imperative, la stessa costruzione porta a una richiesta o a un’esortazione.

Ad esempio:

  • 一点儿!(kuài yīdiǎnr!, sbrigati!) [un po’ più veloce!];
  • 请说一点儿 (qǐng shuō màn yīdiǎnr, per favore parla un po’ più lentamente).
Quantità piccola o incerta

Verbo + 一点儿 + Sostantivo

Se 一点儿 si inserisce tra un verbo – che può essere anche 有 (yǒu, avere/esserci) – e un sostantivo, esprime una quantità piccola e incerta. Questa è la frase che dovete usare se sapete parlare “un po’” di cinese.

Ad esempio:

  • 我会一点儿汉语 (wǒ huì shuō yīdiǎnr hànyǔ, so parlare un po’ di cinese);
  • 桌子上一点儿 (zhuōzi shàng yǒu yīdiǎnr táng, c’è un po’ di zucchero sul tavolo).

Per capire la funzione di in questa frase, vi rimando all’articolo sui localizzatori in cinese!


有点儿

Quando utilizziamo 有点儿 facciamo sì riferimento a una piccola quantità, ma in senso negativo. Lo si trova, quindi, solo in frasi che esprimono insoddisfazione o malcontento.

Per quanto riguarda la costruzione della frase, 有点儿, a differenza di 一点儿, non segue l’aggettivo ma lo precede. La posizione di quest’ultimo, quindi, è molto importante per capire meglio quale dei due termini utilizzare.

Non può mai trovarsi, invece, prima di un sostantivo. In quel caso, infatti, si verificherebbe la situazione già descritta della quantità piccola o incerta espressa da 一点儿, nella quale 有 ha la funzione di verbo.

有点儿 + Aggettivo

Ad esempio:

  • 今天有点儿 (jīntiān yǒudiǎnr lěng, oggi fa po’ freddo);
  • 有点儿难过 (tā yǒudiǎnr nánguò, è un po’ triste).

Non si può dire, invece:

  • 她有点儿高兴 (tā yǒudiǎnr gāoxìng, è un po’ felice).

In questo caso, infatti, verrebbe meno l’accezione negativa di 有点儿.

Con una negazione, però, la stessa frase diventerebbe corretta. (bù), in questo caso, si inserisce tra 有点儿 e l’aggettivo:

  • 有点儿高兴 (tā yǒudiǎnr bù gāoxìng, è un po’ infelice).

Non conoscete il carattere ? Allora vi rimando all’articolo sulle frasi negative in cinese!


Per tradurre “un po’” in cinese, quindi, dobbiamo fare attenzione al termine utilizzato. Ora, a seconda del contesto, dovreste aver capito meglio quando usare 一点儿 o 有点儿. Detto questo non mi resta che salutarvi: 再见!
Ti è piaciuto? Condividilo!

Scritto da:

Mauro Bruno

Classe 1986. Sono laureato in Scienze dell'Amministrazione e ho conseguito un Master in "Relazioni Industriali nel lavoro privato e pubblico".
All'università ho scoperto la lingua cinese ed è stato amore a prima vista, tanto che da allora ho continuato a studiarla da autodidatta.
Nel blog, oltre a parlarvi della cultura cinese, cercherò di rendervi più familiare una delle lingue più incomprensibili per antonomasia.
Potete contattarmi scrivendo a: m.bruno@inchiostrovirtuale.it