Come difendersi dal caldo - giornata di sole on ventilatore
Terza parte del dossier “Vacanze in salute”, per prevenire gli effetti negativi del caldo estivo.

Chi tra i nostri lettori e non solo, deciderà di trascorrere le vacanze estive nei Paesi assolati, dovrebbe sapere come difendersi dal caldo eccessivo. Insolazioni, disidratazione e crampi muscolari, infatti, sono solo alcune delle conseguenze a cui si potrebbe andare incontro a causa delle alte temperature. Quali strategie adottare, dunque, per prevenirle? È ciò di cui parleremo in questa semplice guida. Seguiteci!


Come difendersi dal caldo?

Qui di seguito riportiamo, in base alle linee guida del Ministero della Salute, i consigli utili per proteggersi dal caldo, sia all’aria aperta sia negli ambienti chiusi. Vediamoli!

Come difendersi dal caldo all’aria aperta?

Iniziamo subito dalle strategie da adottare quando si sta fuori casa, dove si è esposti a maggiori rischi.

Non uscite nelle ore più calde della giornata

Tra le 11:00 e le 18:00 -quando le radiazioni solari si fanno particolarmente intense- è meglio che rimaniate a casa. Ma qualora non possiate fare a meno di uscire, per lavoro o altri motivi, seguite i consigli successivi.

Indossate un abbigliamento adeguato

Per favorire la traspirazione -e, quindi, abbassare la temperatura corporea- indossate indumenti di tessuto naturale, come lino e cotone, leggeri e non aderenti. Dopodiché munitevi di cappello, per riparare la testa, e occhiali da sole, per proteggere gli occhi.

Applicate la protezione solare

I solari dovrebbero essere applicati sia sulle parti esposte alle radiazioni, sia su quelle coperte dai vestiti. Per maggiori informazioni, leggete la guida “Solari: quali scegliere? Tipi e caratteristiche principali“.

Solari: quali scegliere? Tipi e caratteristiche principali

Portatevi appresso dell’acqua

Bevete 1,5-2L di acqua al giorno, per mantenere l’idratazione e regolare la temperatura corporea. Scoprite tutti gli altri benefici, nell’articolo “Acqua minerale: caratteristiche, tipologie e benefici“.

Acqua minerale: caratteristiche, tipologie e benefici

Non fate attività fisica nelle ore più calde

Se amate la corsa o qualsiasi altra attività all’aperto, allenatevi nelle ore più fresche della giornata, ovvero prima delle 11:00 e dopo le 18:00. Portate sempre con voi, inoltre, dell’acqua minerale!

Fate attenzione alla temperatura in auto

Se l’auto è rimasta parcheggiata al sole, prima di mettervi in viaggio, fate rinfrescare l’abitacolo aprendo le portiere e, se ne avete la possibilità, impostate l’aria condizionata a una temperatura tale che, la differenza tra l’interno e l’esterno, non sia superiore ai 5°C; non puntate le bocchette dell’aria verso i passaggeri.

Non lasciate persone o animali, anche solo per pochi minuti, in un’auto parcheggiata al sole. Se dovesse capitarvi di vedere un bambino o un animale in questa situazione, chiamate subito il 113.


Per altri consigli su come proteggersi dal sole, leggete l’articolo “Fotoprotezione: dalla tavola alla spiaggia“.

Fotoprotezione: dalla tavola alla spiaggia


Come difendersi dal caldo negli ambienti chiusi?

E ora, vediamo come proteggersi dal caldo, negli ambienti chiusi!

Tenete fresco l’ambiente domestico o lavorativo

Aprite le finestre nelle ore più fresche della giornata, cioè al mattino presto, la sera tardi e la notte, per far circolare l’aria; nelle ore più calde, invece, schermate le finestre direttamente esposte al sole, con le tende, le persiane o le tapparelle.

Nelle ore più calde della giornata accendete il condizionatore

Impostatelo a una temperatura compresa tra i 25°C e i 27°C, regolando il flusso dell’aria in modo che non sia troppo veloce. Una volta acceso chiudete le finestre e, qualora dobbiate spostarvi verso un ambiente più caldo, copritevi.

Se c’è molta umidità azionate il deumidificatore

Se invece il vero problema fosse l’elevato tasso di umidità, e non la temperatura, potrebbe essere sufficiente azionare il deumidificatore.

Occhio alle fonti di calore!

Nelle ore più calde non accendete, per quanto vi è possibile, elettrodomestici che generano calore, come il forno, il ferro da stiro e il phon.

Attenzione al ventilatore!

Il ventilatore riduce la temperatura percepita, perché -provocando lo spostamento dell’aria- fa evaporare il sudore e, così facendo, ne stimola la produzione, aiutando l’organismo a regolare la temperatura corporea.

Questi effetti, però, si hanno per temperature non superiori ai 32°C, superate le quali aumenta il rischio di disidratazione -soprattutto nei soggetti che non bevono abbastanza acqua- per cui andrebbero evitati.

Tenete sotto controllo la temperatura corporea

Oltre a indossare vestiti leggeri e non aderenti, di lino o cotone:

  • fate la doccia con acqua tiepida e non fredda (se siete accaldati potrebbe essere pericolosa);
  • ogni tanto, bagnate il viso e le braccia con acqua fresca;
  • bevete acqua a sufficienza e seguite una dieta adeguata.

Di quale dieta si tratta? Per conoscere tutti i dettagli, non vi rimane che leggere la quarta parte del dossier “Vacanze in salute”, dedicata alla dieta estiva ideale. Per leggerla basta un click qui. Alla prossima!

L’articolo ha uno scopo puramente illustrativo e non sostituisce il parere del medico.

Bibliografia e sitografia
Ti è piaciuto? Condividilo!