Aloe gel - foglie intere ed in sezione

Avete mai sentito parlare del gel di Aloe vera?

Estratto dall’Aloe barbadensis Miller, meglio nota come Aloe vera, l’Aloe gel veniva usato dagli antichi Egizi per favorire la guarigione delle ustioni. Usi supportarti – almeno nei cai più lievi – dalla ricerca scientifica. Scopriamone di più!

Aloe gel: cosa è?

L’Aloe gel è una sostanza viscosa, incolore e insapore, estratto dalle foglie dell’Aloe vera. Il gel costituisce la polpa centrale della foglia ed è importante per la sopravvivenza della pianta, perché le permette di conservare l’acqua e crescere rigogliosa nelle regioni aride di Africa, America, Asia ed Europa.

Come si ottiene questo gel naturale?

È presto detto! Le foglie più grosse e mature, localizzate alla base, vengono recise con un taglio netto e preciso, cosicché la ferita si rimargini da sola. Poi vengono private di apice, estremità inferiore, margini e lamina superiore. A questo punto si preleva la polpa col cucchiaino, stando attenti a non raschiare la lamina fogliare. Tra il gel e la lamina, infatti, è presente il lattice: un liquido giallo e amarognolo ricco di antrachinoni, dai noti effetti irritanti. Sembra difficile ma non lo è affatto, come dimostra questo video!

Il gel, quindi, può essere impiegato subito o conservato in frigo per qualche giorno, affinché non perda i principi attivi. Sì, ma quali? Lo vediamo subito!

Aloe gel: i principi attivi

Pensereste mai che l’Aloe gel sia costituito dal 99% d’acqua? La cosa non dovrebbe sembrarvi strana, dal momento che le mucillagini (lunghissime catene zuccherine) ne trattengono moltissima, assicurando alla pianta le sue scorte. Ma è nel restante 1% che sono racchiusi i componenti, che lo rendono unico sotto qualsiasi punto di vista.

Tra i numerosi principi attivi abbiamo:

  • mucillagini (glucomannani e polimannosi);
  • enzimi (bradichininasi);
  • ormoni (auxine e gibberelline);
  • glicoproteine (alprogen);
  • vitamine (provitamina A, vitamine C ed E);
  • sali minerali (zinco, rame, manganese, selenio);
  • acidi organici (acidi cinnamico e benzoico);
  • lupeolo C-glucosyl chromone;
  • zuccheri, aminoacidi e steroli vegetali.

Ciascuno di essi contribuisce, a suo modo, ai benefici in caso di bruciature. Approfondiamo la questione!


Proprietà e benefici dell’Aloe gel

Grazie ai suoi componenti, l’Aloe gel favorisce la guarigione delle ustioni causate dagli UV o dal contatto con fonti di calore. Esso, infatti…

È lenitivo

Il gel allevia l’arrossamento, il gonfiore, il dolore e il bruciore, grazie alla bradichininasi, al C-glucosyl chromone e all’alprogen, che riducono la produzione di molecole infiammatorie.

È antisettico

Gli acidi benzoico e cinnamico, insieme al lupeolo, sono antisettici e impediscono all’ustione d’infettarsi.

È cicatrizzante

Il gel promuove la cicatrizzazione, grazie alla sinergia tra mucillagini, ormoni, vitamine e sali minerali.

Infatti:

  • le mucillagini e gli ormoni stimolano la sintesi di collagene, elastina e acido ialuronico, ripristinando l’architettura cutanea;
  • la vitamina C neutralizza i radicali liberi e partecipa alla sintesi del collagene;
  • zinco, selenio, manganese e rame aiutano a contrastare i radicali liberi, accelerando la guarigione.

L’applicazione del gel, dunque, dona sollievo alle pelli scottate e ne ripristina l’integrità, fatto che lo rende un must have nel periodo estivo (ma non solo). Studi dimostrano, infatti, che…

Il gel di Aloe allevia gli eritemi solari

Si tratta delle classiche scottature da spiaggia, che compaiono in seguito all’esposizione scorretta ai raggi UV e sono caratterizzate da arrossamento, gonfiore, bruciore e dolore. Nel caso l’ustione sia più severa, compariranno anche le flittene, cioè vescicole piene di liquido sieroso.

Uno studio clinico ha evidenziato gli effetti positivi del gel sull’eritema solare.

40 partecipanti con pelle chiara e abbastanza chiara sono stati esposti agli UV, con una dose sufficiente a provocare l’eritema, e successivamente sono stati trattati con:

  • Aloe gel al 97,5%;
  • controlli positivi (0,25% prednicarbato, 1% idrocortisone gel e 1% idrocortisone crema);
  • placebo (un gel senza farmaco).

Dopo 48 ore, l’Aloe gel è stato più efficace nell’alleviare l’eritema rispetto al cortisone in gel e più efficace nel favorire la guarigione rispetto alla sulfadiazina argentica (un antisettico). Era, tuttavia, meno efficace rispetto al cortisone in crema.


Aloe gel: come e quando usarlo?

Il gel può essere applicato in tutta sicurezza 2 volte al dì, anche in aree molto estese, dopo aver pulito la pelle con soluzione fisiologica. Benché l’efficacia sia inferiore all’idrocortisone in crema, l’uso dell’Aloe gel è comunque consigliato in caso di scottature solari o domestiche superficiali o intermedio-superficiali.

Le creme al cortisone, infatti, pur alleviando l’infiammazione non sono idratanti, col risultato che la pelle continuerà a tirare e prudere. Il gel di Aloe, invece, pur avendo un effetto più lieve, rinfresca e idrata la pelle, che tornerà liscia e morbida una volta guarita.

Ma l’Aloe gel è sicuro?

Quello purificato lo è, perciò può essere applicato anche in gravidanza, in allattamento e nell’infanzia. Un discorso a parte, invece, merita il gel casalingo, che può contenere residui di antrachinoni ed irritare le pelli più sensibili.

Se soffrite di dermatite atopica, psoriasi o allergie, dunque, usate solo quello purificato! Se siete in cura con cortisone, inoltre, rivolgetevi al medico prima di usarlo, perché ne aumenta l’assorbimento cutaneo.


E con questo è tutto, cari lettori. Se l’articolo vi è piaciuto, allora potrebbe interessarvi anche quello sul latte detergente all’Aloe gel. Cliccate qui sotto per leggere la ricetta. Alla prossima!

Latte detergente all’Aloe: ricetta e benefici

L’articolo ha uno scopo puramente illustrativo e non sostituisce il parere del medico.

Bibliografia e sitografia
Ti è piaciuto? Condividilo!

Written by

Jessica Zanza

Classe 1987, una laurea in Farmacia e la passione per la divulgazione scientifica. Con Virginia Taddei e Annalisa Ardesi ho fondato Inchiostro Virtuale, attraverso il quale vi coinvolgerò nelle tematiche a me più care: quelle inerenti alla salute e al benessere.
Per contattarmi mandate una mail a j.zanza@inchiostrovirtuale.it