Sport in Cina: una panoramica generale - © Getty images
Lo sport in Cina è molto importante, tanto che viene praticato nel Paese da oltre 4.000 anni.

Negli ultimi tempi, però, a causa dell’arrivo di tanti calciatori illustri nel campionato locale, lo sport in Cina viene associato quasi esclusivamente al calcio. In realtà i cinesi praticano tante altre attività, alcune molto comuni, altre più tradizionali, nelle quali eccellono a livello mondiale. Vediamo quindi alcuni tra gli sport più seguiti in Cina, con i relativi protagonisti.


Calcio

Come già accennato, il campionato di calcio cinese ha raggiunto, ultimamente, una popolarità mai vista prima. Il motivo di tale successo è dovuto alla presenza di stelle mondiali, spesso a fine carriera, attirate più dagli stipendi milionari che dal livello delle squadre. Tra i calciatori più famosi, solo per citarne alcuni, troviamo: Marek Hamšík, Ezequiel Lavezzi, Carlos Tévez, Hulk e Javier Mascherano.

Il valore modesto dei giocatori locali lo si può riscontrare anche dai risultati della nazionale. Nonostante la competitività nel continente non sia paragonabile a quella europea, infatti, non è mai riuscita a vincere la Coppa d’Asia. Per quanto riguarda le fasi finali della Coppa del mondo, invece, è riuscita a qualificarsi solo una volta nel 2002, perdendo tutte le partite disputate e senza siglare neanche una rete.

Sport in Cina - Nazionale cinese di calcio ai mondiali
Nazionale cinese di calcio in una partita dei mondiali del 2002

L’italiano che più si è distinto nel campionato cinese è senza dubbio Marcello Lippi. Con il Guangzhou Evergrande, oggi allenato da Fabio Cannavaro, ha vinto 3 campionati, una coppa nazionale e una Champions League asiatica. Dal 2016 ai primi del 2019, pur non riuscendo a farle fare il salto di qualità che ci si aspettava, è stato proprio lui il commissario tecnico della nazionale.


Basket

In uno sport dominato dagli statunitensi, dai serbi e dagli ex sovietici, i cinesi hanno sempre fatto fatica ad affermarsi. Nonostante in Asia siano quasi imbattibili, in quarant’anni tra mondiali e olimpiadi non sono infatti mai andati oltre l’ottavo posto.

In Cina questo sport acquisì un picco di popolarità nei primi anni 2000, quando alcune squadre della NBA, il campionato statunitense più importante, acquistarono alcuni cestisti cinesi. Il primo fu il centro Wang Zhizhi (王治郅), il quale giocò la stagione 2000/01 con la maglia dei Dallas Mavericks.

Il più famoso in assoluto, non solo tra i cinesi. è però Yao Ming (姚明). Ritiratosi ormai da qualche anno, si distingueva soprattutto per la sua altezza, non indifferente, di 2.29 cm. A conferma della sua popolarità, Yao Ming comparve anche in tre puntate dei Simpson.

Sport in Cina - Yao Ming e Wang Zhizhi
Yao Ming e Wang Zhizhi in una partita NBA nella stagione 2002/03

Snooker

Tra gli sport in Cina in grande ascesa c’è sicuramente lo snooker. Questa variante del biliardo, diffusa principalmente nel Regno Unito, ha infatti trovato nel Paese asiatico una seconda casa.


Se non lo conoscete, vi rimando all’articolo sulle regole dello snooker!


Osservando il calendario dei tornei più importanti, relativi alla stagione 2018/19, ci si rende conto che sono ben 6 quelli previsti nella Cina continentale. A questi se ne aggiungono 2 disputati a Macao, regione amministrativa speciale cinese che, sportivamente parlando, viene considerata come una nazione a sé.

Anche in fatto di giocatori la Cina è in forte crescita. Sempre facendo riferimento alla stagione in corso, i professionisti cinesi che prendono parte al circuito sono 24 (più 2 di Hong Kong), secondi per numero solo agli inglesi.

A dimostrazione che questo sport sia ancora di nicchia in Italia, basti pensare che nel nostro Paese non solo non viene disputato alcun torneo del circuito principale, ma non ci sono neanche professionisti che ne prendono parte.

Il giocatore asiatico più rappresentativo è senza dubbio Ding Junhui (丁俊晖), unico cinese ad aver mai raggiunto una finale, oltre a due semifinali, nel Campionato mondiale.

Sport in Cina - il campione di snooker Ding Junhui - © worldsnooker
Ding Junhui – © worldsnooker

Tennistavolo

A tutti voi sarà capitato almeno una volta nella vita, magari in luoghi di vacanza, di fare una partita a tennistavolo, meglio noto come ping pong. Questo piacevole gioco, sebbene in Italia sia per lo più un semplice svago, è in realtà uno sport a tutti gli effetti, del quale i cinesi sono padroni assoluti. Anzi, potremmo dire che questo è lo sport in Cina per eccellenza.

Solo per avere un’idea della forza di questi giocatori, basti pensare che nella storia delle olimpiadi, considerando tutte le specialità possibili, gli atleti cinesi hanno vinto 28 medaglie d’oro su 32!

Il domino è talmente imbarazzante che, escludendo la specialità a squadre, nella quale compete un’unica formazione per nazione, in 15 casi su 26 la finale è stata un derby tra cinesi. Addirittura in tre occasioni la bandiera della Cina ha sventolato per l’intero podio. Non sto inoltre considerando le nazionali di Hong Kong e Cina Taipei, o Taiwan, le quali migliorerebbero ulteriormente questi record.

Sport in Cina - Tennistavolo alle olimpiadi
Le atlete Li Xiaoxia (李晓霞) e Ding Ning (丁宁), medaglia d’argento e d’oro a Rio 2016

Badminton

Il badminton, o volano, è uno sport quasi inesistente dalle nostre parti. Siamo abituati ad associarlo alle vecchie corti europee, nel periodo che va a cavallo tra il XIX e il XX secolo. In realtà stiamo parlando del terzo sport più praticato al mondo, con maggiore diffusione nell’est asiatico.

Nel 1992 è diventato sport olimpico e, anche in questo caso, i cinesi hanno sempre comandato. Prendendo in considerazione tutte le specialità, hanno infatti portato a casa 18 medaglie d’oro su 34, oltre la metà.

Tuttavia a Rio de Janeiro 2016 è avvenuto un fatto più unico che raro. Nessuna atleta cinese è infatti riuscita a salire sui podi del singolo e del doppio femminile.

Sport in Cina - Chen Long, medaglia d'oro di Badminton
Chen Long (谌龙), medaglia d’oro di badminton a Rio 2016 nel singolo maschile

Pallavolo

Ritorniamo a uno sport certamente più comune nei nostri confini: la pallavolo. Non fatevi ingannare dai cartoni di Mila & Shiro, in quanto sono le cinesi le vere dominatrici del continente asiatico.

Ma, a differenza di quanto avviene in altri sport “occidentali”, la squadra femminile cinese è capace di vincere anche a livello internazionale. Tra i successi più recenti troviamo la vittoria alle ultime olimpiadi e all’ultima Coppa del Mondo, nonché due podi nelle ultime due edizioni del Campionato del Mondo.

Meno determinante è invece la squadra maschile, la quale non ha mai brillato al di fuori del proprio continente.

Sport in Cina - Nazionale cinese di Pvolley alle olimpiadi del 2016
Nazionale femminile cinese di pallavolo alle Olimpiadi di Rio 2016

Tuffi

Vi è mai capitato di seguire una gara di tuffi, specialmente quello sincronizzato, ai mondiali o alle olimpiadi? Probabilmente dopo aver visto gli atleti cinesi avreste pensato, come me, che il secondo posto era il massimo che i nostri beniamini potessero raggiungere. Cosa che tra l’altro avvenne proprio agli ultimi Giochi, quando Tania Cagnotto e Francesca Dallapé si dovettero “accontentare” della medaglia d’argento.

Sì, perché, manco a dirlo, i/le cinesi eccellono anche in questo sport, con movimenti e sincronismi quasi perfetti. Tuttavia questo dominio è relativamente recente. Chi ha qualche anno più di me, infatti, si ricorderà dei tanti successi statunitensi, ma anche di quelli dell’italiano Klaus de Biasi.

La prima medaglia d’oro cinese nei tuffi alle olimpiadi, in qualsiasi specialità e categoria, risale solo al 1984, nonostante lo sport sia presente ai Giochi fin dal 1920. Da allora, però, la Cina ha raccolto 40 medaglie d’oro, seconda solo agli USA con 49. Per dare un’idea del risultato, al terzo posto, nella classifica di tutti i tempi, c’è la Svezia con appena 6 ori.

Sport in Cina - Le tuffatrici Shi Tingmao e Wu Minxia
Le tuffatrici Shi Tingmao (施廷懋) e Wu Minxia (吴敏霞) mostrano l’oro olimpico 2016 nel tuffo 3m sincronizzato

Nuoto

In questa disciplina i cinesi tornano a essere umani. Non hanno infatti né una grande tradizione, né una grande quantità di medaglie in bacheca. Sì, a livello femminile hanno vinto in passato qualche medaglia d’oro e centrato diversi podi, ma le loro prestazioni sono state discontinue nel corso degli anni.

Eppure anche in questo sport la Cina potrebbe ben presto dire la sua con decisione. Analizzando i risultati delle olimpiadi, infatti, emerge un dato sorprendente: tutte le medaglie maschili (3 ori, 4 argenti e 2 bronzi) sono arrivate nelle ultime tre edizioni. Per la maggior parte di esse bisogna ringraziare Sun Yang (孙杨), vincitore di tutti e tre gli ori, di due argenti e, in squadra, di un bronzo.

Sport in Cina - il nuotatore Sun Yang - © Clive Rose/Getty Images)
Il nuotatore Sun Yang mostra la medaglie d’oro vinta nei 200m a Rio 2016

Tennis

Anche nel tennis i cinesi non hanno mai brillato particolarmente. Un’eccezione in tal senso è rappresentata dalla nota tennista, ritirata ormai da qualche anno, Li Na (李娜).

Considerata la più forte tennista cinese di tutti i tempi, nel corso della sua carriera infranse numerosi record. Il primo avvenne nel 2004, in quanto fu la prima cinese a vincere un titolo WTA. Nel 2011, battendo Roberta Schiavone nella finale del Roland Garros, divenne invece la prima tennista del suo Paese a vincere un torneo in singolo del Grande Slam (evento che ripeterà nel 2014 nell’Australian Open). Inoltre, con il passare degli anni, migliorò anche la sua posizione nel ranking mondiale, arrivando fino alla 2° posizione.

Chissà se le nuove promesse del tennis cinese riusciranno a replicare e, perché no, migliorare i suoi successi.

Sport in Cina - la tennista Li Na
La tennista Li Na con la coppa dell’Australian Open 2014

Sport tradizionali

Quando si parla di sport in Cina, non si può non fare riferimento a tutte quelle attività, agonistiche o meno, radicate nella tradizione del Paese.

I film di Bruce Lee, ad esempio, ci hanno fatto conoscere le arti marziali cinesi (武术, wǔshù), meglio note nel nostro Paese con il nome di kung fu (功夫, gōngfu). Queste sono caratterizzate da numerosi stili, tra cui il più famoso tai chi (太极拳, tàijíquán), praticato soprattutto come tecnica di rilassamento.

Sport in Cina - Tai chi
Tai chi in un prato cinese

Tra gli sport in Cina più tradizionali e sedentari, ma molto strategici, ci sono invece lo Xiangqi (象棋), ossia gli scacchi cinesi, e il Weiqi (围棋), conosciuto internazionalmente come Go. A conferma del fatto che si tratta di due sport a tutti gli effetti, questi comparivano tra le discipline dei World Mind Sports Games, insieme ai più internazionali scacchi, dama e bridge.

Sport in Cina - Xiangqi
Una scacchiera di xiangqi

Insomma, è riduttivo parlare di sport in Cina riferendosi solo al calcio. Questo Paese è infatti capace di eccellere in tantissime discipline sportive, spesso dominandole incontrastato. Inoltre non ha mai abbandonato i propri sport tradizionali, i quali vengono mantenuti in vita ogni giorno.
Ti è piaciuto? Condividilo!