Violenza ostetrica - sala parto copertina
Nel nuovo tema del mese dedicato agli errori, trova spazio la consueta collaborazione con il blog Eco Internazionale.

Puntiamo i riflettori su un tema molto importante quanto ignorato: le violenze subite dalle donne in sala parto. Un’esperienza traumatica, che vede protagoniste 4 donne su 10, lese nella loro dignità e integrità psicofisica da abusi fisici e verbali, procedure mediche coercitive, mancata tutela della privacy, trascuratezza nell’assistenza e molto altro. Parola a Sabrina Landolina.

Buona lettura!

Molte tacciono per vergogna o per paura di essere colpevolizzate. Alcune, invece, dopo decenni trovano il coraggio di parlare degli abusi subiti durante il parto. E poi ci sono altre donne che dopo le violenze subite in sala parto decidono di non avere altri figli, come sostiene la ricerca “Le donne e il parto”, realizzata da Doxa su iniziativa dell’Osservatorio sulla violenza ostetrica.

Per la prima volta in Italia sono stati diffusi i dati sulla violenza ostetrica.

Una questione, fino a pochi anni fa, quasi sconosciuta. Sono le storie, per anni sottaciute o inascoltate, di un milione di donne che dichiarano di aver subito, negli ultimi 14 anni maltrattamenti, insulti e altri tipi di violenza, mentre stavano per partorire il loro primo bambino.

L’inchiesta, condotta registrando anche le testimonianze di parenti e operatori sanitari, ha sollevato una problematica finora sommersa. Ogni anno, in Italia, poco più di 71 mila donne risultano vittime di episodi di violenza ostetrica. L’Organizzazione Mondiale della Sanità riconosce ed etichetta questi comportamenti «profondamente rappresentativi delle disuguaglianze di genere». Tali abusi racchiudono riprovevoli azioni: abusi fisici e verbali, procedure mediche coercitive, mancata tutela della privacy, il rifiuto di offrire una terapia analgesica, la trascuratezza nell’assistenza al parto e lo scarso peso riconosciuto alle donne nell’assunzione delle decisioni relative al parto.

Dal dossier, dunque, si appurano dati sconcertanti e disumani: quattro donne su dieci, tra quelle intervistate, hanno riferito come l’assistenza al parto sia stata lesiva della propria dignità e integrità psicofisica.


Per maggiori dettagli sulla violenza ostetrica, continuate a leggere su Eco Internazionale.
Ti è piaciuto? Condividilo!