immagine astronomia1

Ben ritrovati a tutti gli amanti dell’astronomia!

Come ogni anno, nuovi fenomeni astronomici sono pronti a stupirci e a tenerci ore e ore con il naso all’insù. Ecco, qui di seguito, una panoramica che riassume gli appuntamenti astronomici più importanti e, soprattutto, più spettacolari che ci faranno compagnia durante questi lunghi 12 mesi.


Astronomia 2020: eclissi solari

immagine astronomia2

Un’eclissi solare (o eclissi di Sole) è un tipo di eclissi caratterizzato dall’oscuramento di tutto, o di una parte, del disco solare da parte della Luna, visto dalla Terra.

Nel corso del 2020 assisteremo a due avvenimenti di questo genere ma, entrambi gli eventi, purtroppo, non saranno visibili dall’Italia.

  • 21 giugno: Eclissi Solare Anulare Totale. L’eclissi sarà visibile dall’Africa centrale fino all’Arabia Saudita, l’India settentrionale e la Cina meridionale, terminando il suo percorso nell’Oceano Pacifico. Ciò che vedremo sarà un anello di luce attorno alla Luna oscurata. Inoltre sarà visibile un’eclissi parziale in gran parte dell’Africa orientale, del Medio Oriente e dell’Asia meridionale.
  • 14 dicembre: Eclissi Solare Totale. Durante questo fenomeno, la Luna coprirà completamente il Sole, lasciando intravedere soltanto la corona solare. L’eclissi totale sarà visibile solo in alcune parti del Cile meridionale e dell’Argentina meridionale, mentre un’eclissi parziale sarà visibile in molte aree del Sud America meridionale, nell’Oceano Pacifico sudorientale e nell’Oceano Atlantico meridionale.

Astronomia 2020: eclissi lunari

Astronomia 2020: eclissi lunari.

Un’eclissi lunare avviene quando l’ombra della Terra, allineata tra il Sole e il nostro satellite, oscura del tutto o parzialmente la Luna e si verifica quando quest’ultima è in fase di “luna piena”. Nel 2020 sarà possibile assistere a ben 4 eclissi di questo genere. Tre di esse saranno visibili dall’Italia.

  • 10 gennaio: Eclissi Lunare Penombrale. Questa particolare eclissi si verifica quando ad oscurare la Luna è soltanto la penombra della Terra, creando così un cono d’ombra. In più, la Luna si trova allineata con la Terra e il Sole, in fase di plenilunio. Sarà visibile in gran parte dell’Europa, Africa, Asia, Oceano Indiano e Australia occidentale.

(Se ve la siete persa, potete recuperarla con il video in streaming preso dal canale di Gian Masi).

  • 5 giugno: Eclissi Lunare Penombrale. Sarà visibile in gran parte dell’Europa, Africa, Asia, Australia, Oceano Indiano e Australia.
  • 5 luglio: Eclissi Lunare Penombrale. Sarà visibile in gran parte del Nord America, del Sud America, dell’Oceano Pacifico orientale, dell’Oceano Atlantico occidentale e in Africa occidentale.
  • 30 novembre: Eclissi Lunare Penombrale. Sarà visibile in gran parte del Nord America, dell’Oceano Pacifico e del Nord-est asiatico.

Astronomia 2020: superluna

Astronomia 2020: superluna.

Quando la fase di Luna piena coincide con un ravvicinamento del nostro satellite, si verifica l’effetto conosciuto come “Superluna”. Indica il momento in cui la fase di Luna piena è vicina al perigeo, ovvero il punto dell’orbita lunare che corrisponde alla distanza minima dalla Terra.

Ecco le date:

  • 9 febbraio; 
  • 9 marzo;
  • 8 aprile;
  • 7 maggio.

A proposito di Superluna, in quest’articolo ho spiegato e raccontato del fenomeno a cui abbiamo assistito nel 2018!


Eventi astronomici 2020: piogge meteoriche

Astronomia 2020: piogge meteoriche

Nel suo giro attorno al Sole, la Terra attraversa diverse scie di detriti lasciati da comete o asteroidi. Questi frammenti cosmici, entrando nella nostra atmosfera, illuminano i cieli notturni e danno origine al fenomeno delle stelle cadenti. Ecco un elenco degli sciami meteorici che molto probabilmente saranno visibili quest’anno.

  • 3-4 gennaio: le Quadrantidi (per saperne di più #);
  • 22-23 aprile: le Liridi (per saperne di più #);
  • 6-7 maggio: le Eta Aquaridi (per saperne di più #);
  • 28-29 luglio: le Delta Aquaridi (per saperne di più #);
  • 12-13 agosto: le Perseidi (per saperne di più #);
  • 7 ottobre: le Draconidi (per saperne di più #);
  • 21-22 ottobre: le Orionidi (per saperne di più #);
  • 4-5 novembre: le Tauridi (per saperne di più #);
  • 17-18 novembre: le Leonidi (per saperne di più #);
  • 13- 14 dicembre: le Geminidi (per saperne di più #);
  • 21- 22 dicembre: le Ursidi (per saperne di più #).

Eventi astronomici 2020: equinozi e solstizi

immagine astronomia5

L’equinozio (dal latino aequĭnoctĭum) è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest’ultimo si trova allo zenit dell’equatore.

Esso ricorre due volte durante l’anno solare e in quel momento il periodo diurno, ovvero quello di esposizione alla luce del Sole, e quello notturno sono uguali, giungendo i raggi solari perpendicolarmente all’asse di rotazione della Terra.

Il solstizio (dal latino solstĭtĭum) è in astronomia il momento in cui il sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione massima o minima. Come l’equinozio, anche il solstizio ricorre due volte durante l’anno solare e questo significa che il solstizio d’estate e il solstizio d’inverno rappresentano rispettivamente il dì più lungo e il più corto dell’anno

  • 20 marzo 2020: Equinozio di primavera (03:50);
  • 20 giugno 2020: Solstizio d’estate (21:44);
  • 22 settembre 2020: Equinozio d’autunno (13:31);
  • 21 dicembre 2020: Solstizio d’inverno (10:02).

Astronomia 2020: elongazione di Mercurio e Venere

immagine astronomia6

L’elongazione è l’angolo formato dal corpo celeste preso in considerazione con il Sole, prendendo come punto di origine la Terra. Quando un pianeta interno (Mercurio o Venere) è vicino alla sua massima elongazione, allora è visibile dalla Terra prima dell’alba (elongazione ovest) oppure visibile dopo il tramonto (elongazione est). Il valore della massima elongazione, ovest o est, per Mercurio, è compreso fra 18° e 28°, per Venere, invece, tra 45° e 47°.

  • 9 febbraio: massima elongazione est di Mercurio.
  • 24 marzo: massima elongazione ovest di Mercurio e massima elongazione est di Venere.
  • 4 giugno: massima elongazione est di Mercurio.
  • 22 luglio: massima elongazione ovest di Mercurio.

E per oggi direi di fermarci qui. Ora non resta che attendere, calendario alla mano, i momenti migliori per volgere gli occhi all’insù. Sperando che non piova, però! Alla prossima! ^__^

Maria Gabriella Depalo

Ti è piaciuto? Condividilo!

Written by

Maria Gabriella Depalo

Mi chiamo Maria Gabriella Depalo, sono nata in piccolo paesino del nord barese affacciato sul mare e sono laureata in Informatica.
Sono la "scienziata" del gruppo e mi dedicherò principalmente ad argomenti di tipo scientifico/tecnologico.
Spero vivamente di riuscire a coinvolgervi tutti nelle mie passioni.
Potete contattarmi scrivendo a: mg.depalo@inchiostrovirtuale.it