Immagine di Notre-Dame tratta da Assassin's Creed Unity

I giocatori stanno rendendo omaggio alla cattedrale di Notre-Dame di Parigi, distrutta il 15 Aprile da un incendio, pubblicando delle clip di Assassin’s Creed Unity.

All’interno del gioco, infatti, è presente una fedelissima ricostruzione di Notre-Dame, molto dettagliata sia per quanto riguarda l’architettura esterna che gli ambienti interni. Ma scopriamo insieme la trama di questo ennesimo capitolo della serie, uscito nel novembre 2014.


Assassin’s Creed Unity: la trama

Arno Victor Dorian, un giovane nobile francese della Parigi degli anni ’90 del 1700, è l’eroe che indossa il cappuccio da assassino. Lo guiderete sui tetti di Notre-Dame, attraverso le catacombe adornate di teschi e fra la folla arrabbiata, radunata fuori dal Palais de Justice. Il parkour, le sessioni stealth e i combattimenti basati sui contrattacchi dei titoli precedenti della saga ci sono ancora ma in versione di gran lunga rifinita.

I miglioramenti rispetto ai capitoli precedenti

Per la prima volta nella saga, il nostro protagonista può entrare all’interno degli edifici, utilizzando sia porte che finestre. Questo stratagemma, utile soprattutto quando si è inseguiti dalle guardie di Re Luigi XVI, di solito è un ottimo modo per non finire crivellati dai proiettili e/o spade dei nemici.

Miglioramenti ci sono anche per quanto riguarda il sistema di combattimento. Diversamente dai precedenti capitoli della saga, dove bisognava “aspettare educatamente il proprio turno”, in Assassin’s Creed Unity i nemici si ammucchieranno addosso ad Arno con spade, asce e armi da fuoco, costringendolo ad effettuare precisi contrattacchi e schivate d’astuzia.

In questo modo spetterà al giocatore decidere cosa fare: i guerrieri più abili cercheranno di evitare gli scontri diretti, sfruttando le numerose tecniche stealth di cui il gioco abbonda; quelli invece, diciamo così, più “coraggiosi” si butteranno nella mischia, scegliendo tra una o più armi (arma bianca, da fuoco o pesante) disponibili/acquistabili/craftabili in quel momento.

Immagine di Notre-Dame tratta da Assassin's Creed Unity

Le ambientazioni ammirabili nel gioco

Però, per chi da sempre ama Assassin’s Creed per le ambientazioni, non potrà che rimanere affascinato da una location così bella, in cui muoversi è un piacere, che si tratti di camminare per strada o correre sui tetti.

Parigi è splendida (e su questo non c’è alcun dubbio!), ma in Assassin’s Creed Unity viene resa in maniera eccellente, diventando quasi più viva, frenetica e particolareggiata come mai si era visto in un videogame.

In conclusione parliamo dell’Unica Vera Pecca: i bug.

Innumerevoli, improvvisi e… a causa di cui un po’ tutti abbiamo riso almeno un po’.


Assassin’s Creed Unity e l’incendio di Notre-Dame

C’è uno stretto legame tra Assassin’s Creed Unity e Notre-Dame de Paris, che si è rafforzato dopo il tragico incendio che ha devastato la celebre cattedrale gotica.

Ubisoft ha deciso di stimolare la solidarietà consentendo di scaricare gratis il gioco da Uplay e donando circa 500.000€ per aiutare la ricostruzione.

Sulla pagina ufficiale dell’iniziativa, si legge:

Alla luce del devastante incendio di Notre-Dame di Parigi, Ubisoft desidera offrire ai giocatori di tutto il mondo la possibilità di vivere la maestosità e la bellezza della cattedrale in Assassin’s Creed Unity su PC. Dal 17 aprile alle 16:00 al 25 aprile alle 09:00 (ora locale) potrai scaricare la versione PC di Assassin’s Creed Unity gratuitamente, e il gioco sarà disponibile per sempre nella tua libreria di Uplay.

Ovviamente il gesto dei giocatori – che già a poche ore dall’incendio rendevano omaggio alla cattedrale di Parigi, completamente visitabile all’interno del gioco – ha un valore meramente simbolico, ma quantomeno esprime una grande partecipazione per l’avvenuta catastrofe, da cui Parigi deve ancora riprendersi.


Un vero e proprio regalo da parte della Ubisoft, quindi! E voi, avete approfittato?

Maria Gabriella Depalo

Ti è piaciuto? Condividilo!

Written by

Maria Gabriella Depalo

Mi chiamo Maria Gabriella Depalo, sono nata in piccolo paesino del nord barese affacciato sul mare e sono laureata in Informatica.
Sono la "scienziata" del gruppo e mi dedicherò principalmente ad argomenti di tipo scientifico/tecnologico.
Spero vivamente di riuscire a coinvolgervi tutti nelle mie passioni.
Potete contattarmi scrivendo a: mg.depalo@inchiostrovirtuale.it